taìm!

cibo di qua e di là

Kneydlekh tricolore in brodo vegetale

1 Commento

P1090743

Ci ho provato a fare un piatto molto tradizionale. Veramente. Cosa c’è di più tradizionale di un brodo con i kneydlekh di pane azzimo per la cena di pesach?! Beh, poi non ci sono proprio riuscita, ma vi spiego dopo. Intanto… parliamo dei kneydlekh.

P1090709

Cugini (o figli?!) dei Canederli, sono una specie di gnocchi di pane che si mangiano nel brodo . Possono essere ripieni e non e possono contenere ingredienti molto diversi: ci sono varianti con il pane, la polenta o il semolino e anche aggiunte varie come speck, verdure e altro.

P1090707

Torniamo ai kneydlekh. Questi sono le stesse palline ma fatte di pane azzimo in modo da renderli mangiabili durante la pasqua ebraica. Arrivano non solo in ricette diverse da una famiglia all’altra ma spesso in forma immangiabile! Vi assicuro che più volte nella mia vita ho trovato nel brodo dei sassi pesanti di pane azzimo che erano molto lontani da essere definiti buoni.

Eppure… mia mamma li sa fare abbastanza bene e a me, alla fine, piacciono molto. Non ci sono riuscita però a fare la tradizionalista: ho aggiunto colori e sapori italianissimi per renderli ancora più buoni e ancora più belli.

P1090724

Ho anche fatto un brodo vegetale e non il tipico brodo di pollo, visto che a casa nostra non gradisce nessuno tranne me! Ecco a voi: quasi tradizionale brodo vegetale con kneydlekh in 3 colori!

————————————————————————————————————-

volete la ricetta?

————————————————————————————————————-

Per circa 20-25 palline piccole.

200 grammi di pane azzimo

2 uova

2 cucchiai di olio di olive

sale e pepe

2 cucchiai di prezzemolo tritato

1.5- 2 bicchieri di acqua

Aggiunte: (potete mettere anche altro!)

2 cucchiai di pesto genovese

2 cucchiai di pesto di pomodori secchi

Si trita il pane azzimo nel robot da cucina fino ad ottenere delle briciole piccole + un po’ di farina.

Si mescolano uovo, sale, pepe e prezzemolo e si aggiungono le briciole di pane azzimo. Si mescola e si comincia ad aggiungere l’acqua fino ad ottenere un impasto un po’ appiccicoso. È meglio lavorare con le mani! Si divide l’impasto in 3 e a due delle tre porzioni si aggiungono il pesto genovese (a un terzo) e il pesto di pomodori secchi (un terzo). Si lascia riposare per mezz’ora. Si mescola di nuovo. Se l’impasto è troppo duro si può aggiungere poca acqua. Si creano delle palline piccole. Si cuociono in acqua bollente per 4-5 minuti e poi si tirano fuori. Se non si mangiano subito, li si può conservare in un recipiente chiuso dopo averli spalmati con un po’ di olio.

Per servire: si cuoce direttamente nel brodo bollente ancora 3-4 minuti.

Io ho usato un brodo vegetale fatto così:

  • 3 carote pelate
  • 2 piccole patate pelate
  • 1 cipolla pelata e tagliata metà
  • 1 pezzo di zucca pelato
  • un pomodoro tagliato a metà
  • un mezzo finocchio
  • 1 foglio di alloro
  • 1 spicchio di aglio
  • 5 rami di prezzemolo.

Mettere tutto in una pentola grande, coprire tutto con l’acqua e cuocere per 1 ora. Scolare e lasciare da parte la verdura che si può usare ( carote, patate zucca…). Aggiungere sale e pepe e 2-3 cucchiai di olio di oliva. MEGLIO fare il brodo il giorno prima e scolarlo solo il giorno dopo, così i sapori sono più forti e uniti.

P1090745

Annunci

One thought on “Kneydlekh tricolore in brodo vegetale

  1. Pingback: Menù di Pesach 2 | taìm!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...