taìm!

cibo di qua e di là

Pesach 1 – Haroset, malta dolce in erba amara

3 commenti

P1030560

Pesach, la pasqua ebraica, è forse la festa più importante in Israele. Non intendo tanto l’importanza religiosa, che come già vi ho spiegato non è di mia competenza, ma l’importanza sociale e rituale. È la festa della primavera, in cui ci si rinnova. Si pulisce e si colora, si prendono i vestiti nuovi. Si fanno anche regali ai parenti e amici (non tanto ai bambini).

E poi la parte più impegnativa è la cena. Una cena particolare che include un racconto e ha un ordine (Seder) preciso. Nella mia famiglia, nonostante sia laica, il Seder si è sempre stato rispetato, leggendo la storia dell’uscita del popolo ebraico dall’Egitto dall’inizio alla fine. Si canta (molto), si suona (quanto si canta), si parla e si ride… mi ricordo tavole da 30-40 persone perché i miei nonni hanno sempre invitato persone, anche quasi sconosciute. Basta che nessuno rimanga senza un posto dove festeggiare.

P1030547

Noi avevamo il tavolo dei bimbi ed eravamo tanti! La parte più divertente era cercare l’AFIKOMAN, un pezzo di pane azzimo che viene nascosto durane la serata e che i bambini devono trovare e sostituire per poi riceverne in cambio un regalo. I miei ricordi di questa festa sono molti e anche per questo che quando mi trovo qui durante la festa, la nostalgia aumenta. Mi piacerebbe essere lì, attorno ad una tavola grande con tutta la famiglia.

P1030550

Ma sono qui con la mia piccola famiglia, e allora via con i preparativi per una cena più ristretta ma con tutti i simboli della festa e con un bel po’ di portate (molto meno della cena tradizionale, ma ancora tanti!!). Oltre a un po’ di cibo simbolico il resto dipende dalla famiglia. La particolarità della pasqua ebraica e che il pane azzimo sostituisce il pane lievitato e che si cucina senza farina.

P1030557

Bene, comincio a darvi qualche ricetta… comincio con un cibo – simbolo: La Haroset o Malta dolce. Questa fa parte del piatto di seder e non è altro che una macedonia oppure marmellata con l’aspetto della malta. In OGNI famiglia si prepara diversamente. Veramente, non esiste una famiglia che la fa uguale ad un’altra. Qui, solo per darvi un esempio c’è una raccolta di 12 tipi di Haroset.

La mia, è diversa da quei 12. Nella mia famiglia si fa una Haroset molto fresca e semplice a base di mele. Non la faccio mai se on per la cena di pasqua ma in realtà è proprio buona! Per cui… eccovi qui, la malta più dolce che esiste per ricordare il lavoro duro degli ebrei in Egitto e per augurare a tutti quanti la libertà dalla schiavitù (e mi pare un bel augurio!).

——————————————————————————————————————————————————————————

Volete la ricetta?

——————————————————————————————————————————————————————————

3 mele rosse

50gr di noci

50 gr di uva sultanina

2 cucchiai abbondanti di miele

Il succo di mezzo limone

Un cucchiaino di cannella

Un cucchiaio di brandy

 

Si grattugiano le mele sulla grattugia a buchi piccoli, si aggiungono tutti gli altri ingredienti e si lascia riposare un’ora prima di mangiare.

Si può mangiare così com’è con il cucchiaino, oppure, come vuole la tradizione dentro l’erba amara (radicchio o simile) oppure sul pane azzimo.

P1030562

Annunci

3 thoughts on “Pesach 1 – Haroset, malta dolce in erba amara

  1. Pingback: Felice Pesach! | taìm!

  2. Pingback: Menu di Pesach 2 | taìm!

  3. Pingback: Involtini freschi vietnamiti (fresh rolls) | taìm!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...